Centinaia di migliaia di persone in strada e solo nella giornata del 25 aprile oltre 5000 biglietti staccati al Museo Mann per la mostra su canova, migliaia a Capodimonte e al Pan. I bilanci nella città di Napoli dopo i numeri registrati nel primo ponte lungo sono molto positivi. Il clima estivo ha invogliato turisti e abitanti a scegliere principalmente due alternative: le mostre, le spiagge, da quelle di Posillipo a Miseno, da Cuma a Bagnoli (sebbene tra il porto di Licola e Pozzuoli sia scattato il divieto di balneazione) o una giornata dedicata alle gite, basti pensare che solo sulla funivia del monte Faito sono state registrate oltre 2000 presenze. Ma come mai è una scelta tanto ambita?