Il Comune di Napoli si attrezza per la stagione estiva nelle cosiddette spiagge pubbliche al tempo del covid-19 e fa affidamento sul buon senso dei cittadini per rispettare tutte le disposizioni intraprese onde evitare il propagarsi dei contagi, soprattutto in questa primissima fase dove, manca la segnaletica necessaria affinché si rispettino i divieti. Con i lidi privati aperti invece si fa affidamento su operatori e clienti per rispettare li limite di persone che possono entrare negli stabilimenti, fermo restando le disposizioni in merito all’obbligo di prenotazione prima di recarvisi. Tornando alle spiagge pubbliche, sette da Est a Ovest, da San Giovanni a Teduccio a Bagnoli, il limite predisposto è di 3600 presenze totali al giorno contando il distanziamento di dieci metri quadri tra ombrelloni e la presenza di cinque persone per nucleo familiare e tre per gruppo di amici.