Quella che doveva essere la più importante selezione pubblica degli ultimi dieci anni, secondo gli auspici della Regione Campania, si è trasformata in una serie infinita di clamorosi ritardi, di banali errori e perfino di elenchi di ammessi modificati, per le incongruenze nelle correzioni, causate da un software difettoso.