E’ arrivata intorno alle 7 di questa mattina, nel porto di Salerno, la nave di Medici senza Frontiere con a bordo 935 migranti tra cui 7 donne in stato di gravidanza e una in travaglio, 6 minori e due neonati. I migranti dopo le operazioni di sbarco saranno trasferiti secondo il Piano Nazionale di Riparto. Centocinquanta verranno accolti in strutture della Regione Lombradia, cento in Campania, altrettanti nel Lazio (Frosinone, Latina, Viterbo), ottanta in Piemonte, cinquantacinque in Veneto, cinquanta in Emilia-Romagna e altrettanti in Abruzzo, Molise, Umbria e Marche.
“E’ giusto, sottolinea il Prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, che i sindaci di tutte le città diano un contributo al sistema di sbarco e di accoglienza perchè caricare solo sui porti di alcune città potrebbe determinare un impatto più pesante”.
Momento toccante, durante le operazioni di sbvarco, una donna nigeriana, mentre stava scendendo dall’imbarcazione, ha intonato un canto di preghiera del suo Paese. Una litania dolce e toccante, che ha spinto uno dei soccorritori a chiederlo di ripeterlo attraverso un microfono. La preghiera, che ha suscitato l’emozione dei presenti, si è poi conclusa con l’applauso dei migranti, dei soccorritori e di tutti coloro presenti sul molo.