Sono il simbolo del degrado, della criminalità e dell’abbandono; il 10 maggio dovevano partire i lavori per il loro abbattimento ma sono slittati. La demolizione delle Vele a Scampia è rimandata ad agosto perché ci sono troppi rifiuti lasciati sui vari piani degli edifici; per via dell’amianto e le doverose bonifiche; per far lavorare gli operai in sicurezza. Nel capitolato d’appalto è scritto: 180 giorni dall’apertura del cantiere ma, come sottolineato dal progettista Nicola Salzano De Luca l’immobile era libero da persone, ma non da cose. “Vuol dire – specifica il progettista – che la demolizione non è iniziata. Credo che i 180 giorni partiranno tra un ventina di giorni”.