Sta per cambiare tutto in Regione Campania. Pensavate ad una “bella” tra Vincenzo De Luca e Stefano Caldoro? Possibile, ma al momento improbabile. Tra Roma e Napoli – a quanto SiComunicazione è in grado di ricostruire – si stanno susseguendo riunioni e telefonate finalizzate a trovare nuovi candidati a governatore. I vertici nazionali del Pd ed il capo politico del Movimento Cinquestelle, Luigi Di Maio, stanno lavorando alla rimozione di De Luca per sostituirlo con un candidato che replichi a livello locale l’alleanza giallorossa che sostiene il premier Giuseppe Conte. La domanda di queste ore è: che farà De Luca? Non è tipo da ritirarsi in buon ordine perché glie lo chiede il Pd. Allora sarebbe spuntata l’ipotesi di un alto incarico istituzionale. Si vocifera di una società partecipata di Stato come per esempio Fincantieri. Se accettasse, allora si spianerebbe la strada per un candidato governatore alternativo come il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Modificando gli equilibri anche nel centrodestra. Non è un caso, infatti, che nelle stesse ore in cui si devono decidere i candidati per le elezioni suppletive al Senato (il centrodestra pensa al presidente della Lazio, Claudio Lotito), il capogruppo regionale grillino Valeria Ciarambino stia alzando i toni contro il Pd che non prende – ufficialmente, s’intende – le distanze dal presidente uscente. Dopo il voto in Emilia-Romagna e Calabria, il cambiamento di scenario potrebbe concretizzarsi. Ed anche in Campania ci sarebbe un Conte. Restate connessi! (Carlo Porcaro)