Anticipo di Natale a Napoli in occasione delle festività di San Gennaro con i presepi degli artigiani napoletani in esposizione da giovedì 17 settembre a sabato 19 nel cortile della Fondazione Banco di Napoli in via dei Tribunali 213. La rassegna Presepe in corte è organizzata dalla Fondazione Banco di Napoli in collaborazione con l’Associazione Presepistica Napoletana, già avviata con la mostra allestita a Chieti l’anno scorso. I maestri dell’Associazione Presepistica Napoletana accoglieranno i visitatori partecipanti conducendoli nel caleidoscopico universo del Presepe Napoletano alla scoperta delle curiosità ad esso legate. Nei cortili di Palazzo Ricca e dell’adiacente Palazzo Cuomo saranno allestiti laboratori di didattica dell’arte presepiale napoletana Sette-Ottocentesca e non solo. Il calendario degli incontri prevede dimostrazioni pratiche e partecipative di modellato in creta dei pastori, di vestitura, di modellato in cera policroma, di minuterie e tecniche di realizzazione di scenografia presepiale. Il progetto ha anche l’obiettivo di coinvolgere la famiglia con un nuovo approccio didattico e interattivo. Sarà dedicato uno spazio alle famiglie in cui i piccoli partecipanti accompagnati dai genitori e guidati dai soci esperti dell’associazione Presepistica Napoletana, saranno coinvolti in un viaggio nel presepe napoletano attraverso il racconto di storie e leggende tratte dai vangeli apocrifi e dalla tradizione popolare, ed avranno la possibilità di partecipare a un laboratorio per la costruzione di un piccolo presepe utilizzando materiali di riciclo “domestici”.

«Le nostre eccellenze devono essere valorizzate sempre, non solo durante il periodo natalizio – ha sottolineato il presidente della Fondazione Rossella Paliotto – L’artigianato va promosso sempre, perciò abbiamo avviato già in Abruzzo una proficua collaborazione con l’Associazione presepistica napoletana». E Vincenzo Nicolella, responsabile cultura di Apn, ha rimarcato l’importanza del «sabato dedicato alle famiglie con materiale di riciclo domestico da utilizzare con i bambini per sensibilizzarli alla manualità nonché ai temi ambientali».