321 milioni disponibili, 23 mila case popolari da ristrutturare tra Nord e Sud ma il governo e le regioni litigano e il rischio è che salti tutto. Il piano nazionale case popolari crea un’ulteriore discrepanza nello stivale,. Più fondi per Lombardia, veneto e Sicilia a danno di Puglia, Basilicata, Campania e Piemonte che sono anche le regioni maggiormente interessate al problema. Oggi a Roma un nuovo vertice per fare il punto sulla situazione e modificare il provvedimento.