Dieci mesi in carcere o lavorare gratis, per sei mesi, per il comune di Napoli. La scelta è stata lasciata a un parcheggiatore abusivo trovato dai carabinieri mentre prestava servizio davanti all’ospedale Cardarelli. Le forze armate lo hanno arrestato e condotto in caserma. L’uomo, un 34enne di Qualiano, già noto ai militari, era già stato il destinatario del DACUR, ovvero del divieto di accesso alle aree urbane che servirebbe ad allontanare gli abusivi dalle zone dove solitamente si svolgono le attività illegali. Poi il processo per direttissima. Arresto convalidato e sentenza di condanna: 10 mesi di reclusione con pena sospesa. Pochi giorni fa tre abusivi erano stati arrestati dalla polizia municipale per resistenza, minacce, lesioni e danni degli ausiliari della sosta però questa è la prima volta che si sia verificata questa possibilità; una decisione del giudice che potrebbe divenire un modello da applicare. A sottolinearlo è Francesco Emilio Borrelli dei Verdi, da sempre in lotta contro i parcheggiatori abusivi e curatore di un dossier sul tema. “Una sentenza da prendere a esempio, sarebbe giusto che lavorasse gratis assistendo i malati” poi Borrelli continua: “e rappresenta, nei fatti, una condanna ai lavori forzati”.