No all’inquinamento elettromagnetico e no all’installazione di ripetitori telefonici sui piloni dell’ex Funivia.. Un grido che viene da Bagnoli a Cavalleggeri e che vede protagonisti rappresentanti istituzionali, movimenti, collettivi e cittadini.