[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Visita-lampo a Napoli del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, accolto da una citta’ blindata e con un enorme dispiegamento di uomini e mezzi per garantire le adeguate misure di sicurezza al corteo presidenziale. Giunto in treno, il Presidente si e’ recato in mattinata all’ Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa per l’ inaugurazione dell’ anno accademico. Ad accoglierlo il vicepresidente della Camera, Luigi De Maio, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca e il sindaco De Magistris. Dopo il solenne e commosso minuto di silenzio in memoria delle vittime degli attentati di Parigi richiesto dal rettore dell’ ateneo, Lucio D’ Alessandro, Mattarella e’ intervenuto sottolineando l’ importanza della cultura come strumento di emancipazione e liberta’, rinnovando l’ invito a fare, distribuire e condividere cultura contro l’ oscurantismo, l’ intolleranza e la violenza. Fuori programma e tensioni, prima della cerimonia, con Angelo Ferrillo, esponente del comitato Terra dei Fuochi, allontanato dall’ aula dalle forze dell’ ordine perche’ non invitato. Nel pomeriggio, prima del ritorno a Roma, Mattarella tornera’ di nuovo al Suor Orsola per chiudere la quinta edizione della Scuola di Alti studi politici.

[/vc_column_text][vc_column_text]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]