Come ogni volta dopo la furia scatenata di pioggia e vento si contano i danni. Posillipo, Marechiaro, Scampia sono solo alcuni dei luoghi in cui si sono registrati i peggiori problemi. Black out, disagi e paura anche sull’Isola di Capri dove le forti raffiche di vento accompagnate dalla pioggia hanno distrutto il grande albero con le luminarie di Natale che era stato allestito nella Piazzetta e dove è andata in frantumi anche una vetrina di un esercizio commerciale. Nella terra di Partenope sono state tante le conseguenze. Dagli alberi crollati alle guaine staccatesi dai tetti degli spogliatoi allo stadio Antonio Landieri di Scampia, alle baracche divelte di Via Luca Giordano al Vomero sino allo stazionamento di Posillipo dove il casotto dell’anm si è ribaltato sulla strada a causa del vento.