“Le ‘fritture di pesce’ di Vincenzo De Luca sono tornate alla ribalta camuffate da emergenza Covid e il manifesto politico di Vincenzo De Luca, di assoluta subordinazione della sanità pubblica a quella privata, si è pienamente compiuto. Decine di milioni di soldi pubblici sono quelli che la Regione Campania ha riconosciuto alla sanità privata sulla base di un accordo, stipulato il 28 marzo e integrato il 3 aprile, talmente svantaggioso per le tasche dei cittadini campani e talmente favorevole agli interessi della sanità privata che siamo stati costretti a presentare un esposto alla Corte dei conti e a fare una segnalazione al Ministero della salute, evidenziando che è in contrasto con le norme nazionali sul tema”. E’ quanto dichiarato dalla capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle e responsabile nazionale sanità Valeria Ciarambino, nel corso della conferenza stampa in video call di questa mattina con la senatrice Maria Domenica Castellone e il deputato Nicola Provenza, durante la quale è stato illustrato il contenuto di un esposto regionale a firma dei parlamentari M5S della Campania e dei consiglieri del Gruppo regionale M5S.