Continua la mobilitazione degli operatori del settore spettacolo, drasticamente colpiti dalla crisi economica scaturita dall’epidemia di covid-19. Una breve, brevissima ripresa nel periodo estivo che non ha concesso nemmeno un pò di respiro a tutti coloro che lavorano nel campo artistico. Mobilitatisi nuovamente nei pressi della Prefettura di Napoli, artisti e tecnici chiedono non solo ristori, ma anche che si faccia luce su tutte le precarietà che li vedono coinvolti.