“Non perdiamoci di vista”. È lo slogan promosso da Unicef Italia sul tema del bullismo e del cyberbullismo. Criticità quanto mai attuali, con assoluto bisogno di intervento da parte delle istituzioni, delle scuole in particolare. La proposta educativa è stata presentata presso il liceo Sannazzaro di Napoli nell’ambito del progetto di Unicef e Miur “Scuola Amica dei bambini e dei ragazzi”. L’obiettivo è quello di offrire alle scuole un modello di intervento e indicazioni operative per costruire insieme una scuola sempre più vicina ai bisogni e ai diritti di tutti coloro che la vivono quotidianamente. L’Unicef spesso viene associata unicamente al lavoro nei paesi del terzo mondo. Ma i relatori presenti al liceo Sannazzaro hanno ricordato come l’impegno dell’organizzazione sia rivolto a tutti i bambini. «Perché – come ha detto il portavoce di Unicef Italia Andrea Iacomini – incontrarsi con le scuole amiche è un modo per formare il nostro futuro».