La Campania e soprattutto Napoli avranno un ruolo importante per le primarie del Partito democratico. Dai collegi campani arriveranno all’Assemblea nazionale 75 componenti, la quinta delegazione regionale per consistenza. Qui non sarà tanto importante sapere chi vince, dato che Maurizio Martina gode ampiamente dei favori del pronostico, grazie al sostegno del Governatore Vincenzo De Luca, che gli è valso l’ampio successo tra gli iscritti. Quanto piuttosto capire se Nicola Zingaretti riuscirà a rosicchiare quei consensi necessari a superare l’asticella nazionale del 50% più uno dei delegati, necessario per diventare segretario senza passare da accordi trasversali in Assemblea. Il governatore del Lazio, d’altra parte, aveva avvertito i suoi all’indomani del voto nei circoli: “Occhio alla Campania, è la Regione che dobbiamo seguire con più attenzione in vista delle primarie”. Lui stesso più volte è tornato da queste parti per provare la rimonta. L’obiettivo minimo è riuscire a ribaltare il risultato a Napoli città e avvicinarsi il più possibile a Martina a livello regionale. La candidata alla segreteria regionale è Armida Filippelli.