Ancora una volta una storia amara, che lascia spazio all’indignazione e alla rabbia. Ancora una volta una violenza nei confronti di una donna, nello specifico una ragazzina. È accaduto a Ischia dove i Carabinieri hanno fermano 2 persone per violenza sessuale in danno di una 14enne. I due aggressori sarebbero un 19enne ed un 14enne di origini rumene, entrambi senza fissa dimora. Sarebbero responsabili di una violenza sessuale consumata a Barano d’Ischia nella notte dello scorso 20 settembre, in danno di una studentessa del luogo. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli e dalla Procura della Repubblica a cura del Tribunale per i Minorenni di Napoli hanno permesso di ricostruire nel dettaglio la dinamica dei fatti. La ragazza, mentre percorreva da sola una scalinata pubblica ubicata a Barano d’Ischia, sarebbe stata raggiunta dai due indiziati, che approfittando dell’orario notturno l’avrebbero bloccata dalle spalle, palpeggiandola nelle parti intime con l’intento di consumare un rapporto sessuale. Fortunatamente, la studentessa sarebbe riuscita a divincolarsi fuggendo verso le amiche che la stavano attendendo presso una vicina fermata dell’autobus. Dopo alcuni giorni, la ragazza avrebbe trovato il coraggio di riferire l’accaduto alla madre ed ai Carabinieri della Stazione di Barano d’Ischia, facendo scattare le indagini. Nella serata del 30 settembre, al termine di tempestivi accertamenti, i due indiziati sono stati rintracciati dai Carabinieri e sarebbero stati riconosciuti con certezza dalla minore e dalle sue amiche. Il maggiorenne è stato condotto presso la presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale, mentre il minorenne presso il Centro Giustizia Minorile di Napoli Colli Aminei, entrambi in attesa di udienza di convalida del fermo.