Le campane hanno scandito la ripresa delle messe con la partecipazione del popolo. Il sacrificio eucaristico, memoriale, cioè riattualizzazione della passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo, è stato celebrato nella maggior parte delle chiese italiane nuovamente al cospetto del popolo credente, per l’occasione bardato di mascherine e a equa distanza onde evitare possibili contagi da covid-19. Secondo le disposizioni del memoriale tra Conferenza Episcopale Italiana e Governo, l’aula ecclesiale, debitamente igienizzata, è stata munita di gel disinfettante e il celebrante, dopo essersi accuratamente disinfettato le mani e aver indossato la mascherina, ha distribuito la comunione.