Con queste parole il presidente di città della scienza Riccardo Villari inaugura la 33esima edizione di Futuro Remoto. A dare il via alla manifestazione una festa di luci e colori cangianti in cui centinaia di braccialetti, realizzati dalla start up Fall in led, indossati da circa 800 ragazzi e sincronizzati con percussioni di tamburo, hanno dato vita ad una sequenza di colori e musica che annunciava i 9 temi della manifestazione che sono aerospazio, agrifood e chimica verde, ambienti di vita, energia e un mare di risorse, fabbrica intelligente, design-creatività e made in Italy, patrimonio culturale, scienze della vita e, infine, smart communities. Poco prima dell’inaugurazione, però, alcun lavoratori di città della scienza hanno bloccato l’assessore alle Attività produttive della Regione Campania, Antonio Marchiello, per esporgli la loro situazione.