Uno a uno, palla al centro. Si direbbe così se fosse una partita di pallone. In questo caso si tratta di una tornata elettorale, quella necessaria per stabilire chi sarà il nuovo rettore dell’Università degli studi Federico II di Napoli. La prima votazione finisce pari: 1261 voti per il professor Luigi Califano, presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia e 1260 per il professor Matteo Lorito, direttore del Dipartimento di Agraria ma un voto non permette la vittoria, per quale è necessaria un minimo di 1282 voti. Hanno votato in 2.562, il 97% degli aventi diritto. Luigi Califano punta ad assumere manager che aiutino i docenti ad attrarre finanziamenti per i loro progetti di ricerca. Lorito mira all’internalizzazione della ricerca. «È una stata una gara bellissima, e continuerà a esserlo, ne sono certo. Siamo contenti» esordisce Lorito, aggiungendo un sorriso appagato. Lorito considera il pareggio «un grande risultato perché rappresentiamo l’Università del futuro». Califano invece aspetta a commentare; presumibilmente in vista del prossimo giro di votazioni previste nei giorni 22, 23 e 24. Si prevede eventualmente, anche la terza triade: l’ultimo week end potrebbe essere quello a cavallo tra settembre e ottobre ma i candidati, chiaramente, sperano di avere le idee già chiare in quei giorni.