Che cosa è mancato di più ai napoletani in questo tempo difficile? Le piccole, anzi, la piccola cosa di ogni giorno, anzi, di due-tre volte al giorno. Il caffè al bar. Gustato, sorseggiato, condiviso con persone sconosciute che in quello stesso momento sono al bancone o al tavolino accanto. Un rito collettivo oggi ripreso, con guanti, mascherine e gel igienizzante, a un metro di distanza, ma con la gioia di rivedersi.