Sono due i medici dell’ Ospedale del Mare iscritti nel registro degli indagati con l’ accusa di omicidio colposo per la morte di Mario Busciolano, il dentista 50enne deceduto nel nosocomio di Ponticelli dopo ore di agonia in attesa di una Tac. Il professionista era stato trasferito nella notte del 2 ottobre dal San Giovanni Bosco, dove era giunto con una iniziale diagnosi di pancreatite acuta ed in preda a fortissimi dolori addominali che analgesici e morfina non erano riusciti a calmare. Poi, finalmente, dopo ore di attesa, la Tac, durante la quale, pero Busciolano subisce un arresto cardiaco di 7 minuti, morendo poco dopo. Ora la moglie, Daniela Pallone, assistita dall’ avvocato Enrico Ricciuto ha presentato una denuncia alla Polizia di Stato, chiedendo alla magistratura di fare chiarezza su eventuali colpe mediche. “Siamo fiduciosi nel lavoro della magistratura, vogliamo accertarci che siano stati rispettati tutti i protocolli che garantiscono i livelli adeguati di assistenza sanitaria”, il commento del legale della donna in attesa della autopsia sul corpo dello sfortunato dentista.