Bar, “baretti”, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi: chiusura alle 23. Per loro infatti, a differenza dei ristoranti, lo stop dell’attività è alle 11 di sera. Non tutti hanno appreso le linee dettate dalla Regione Campania con serafica calma. Qualcuno minaccia proteste visto che la movida partenopea inizia proprio verso quell’ora.