“Per il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico, nelle scuole primarie e secondarie sono sospese le attività didattiche ed educative in presenza dal 16 al 30 ottobre”. Le parole scritte nell’ultima ordinanza emessa dalla Regione Campania per volere del presidente Vincenzo de Luca hanno fatto discutere e non poco. Il provvedimento è stato preso dal governatore dopo l’ultimo bollettino dell’unità di crisi. Decisione gravissima e sbagliata tuona la ministra all’istruzione Lucia Azzolina che poi continua “De Luca è stato l’ultimo ad aprire e il primo a chiudere quando in Campania solo lo 0,075% degli studenti è risultato positivo meno della media nazionale conclude l’Azzolina che è dello 0,080%”. I dati comunicati dalla Regione Campania sugli affetti da covid all’interno degli istituti scolastici sono i seguenti: Asl Napoli 1: contagiati 120 tra alunni e docenti Asl Napoli 2: contagiati 110 tra alunni e docenti Asl Napoli 3: contagiati 200 alunni e 50 docenti, con circa 70 casi connessi Asl Caserta: contagiati 61 tra alunni e docenti