Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è positivo al Coronavirus e non sarebbe asintomatico. Dopo una serie di indiscrezioni girate sul web è arrivata la conferma da parte della società. Oltre al patron azzurro, sarebbero positivi anche un dirigente e la moglie Jacqueline che attualmente si trovano a Capri. Il presidente del Napoli ieri ha partecipato all’assemblea di Lega Serie A non sapendo ancora di essere positivo. Lo ha scoperto solo in serata, quando poi è stata inviata la comunicazione urgente ai presidenti e ai dirigenti presenti ieri a Milano. La situazione è monitorata e tenuta sotto controllo, soprattutto perché nei mesi scorsi De Laurentiis è stato colpito da una forte polmonite. Ancora non è chiaro dove e come il presidente abbia contratto il Covid-19. Nelle ultime settimane è stato in particolare tra Capri, Castel di Sangro e Roma. Secondo Repubblica il presidente aveva da giorni sintomi ma avrebbe giustificato il suo malessere con un’indigestione da ostriche. Nonostante questo si è presentato alla riunione di Milano. Il presidente non evidenza uno stato allarmante tale da prevedere un ricovero, ma c’è chi gli ha consigliato di sottoporsi ad ulteriori accertamenti presso una struttura all’avanguardia, come raccolto da CalcioNapoli24. I sintomi evidenziati al momento sarebbero soltanto spossatezza e indolenzimento muscolare, ma non è da escludere un ricovero in via precauzionale per tenere sotto controllo la situazione in tempo reale. Il problema non dovrebbe riguardare Gattuso e la squadra. Almeno fino a questo momento. Il tecnico, il suo staff e i giocatori sono stati sottoposti al tampone non più tardi di un paio di giorni fa e per tutti l’esito è stato negativo. La positività del presidente, che è stato a contatto con la squadra per tutto il ritiro di Castel di Sangro, potrebbe spingere il club a isolare la squadra che, domani pomeriggio, dovrà giocare un’amichevole contro il Pescara, al San Paolo. Resta da capire se l’amichevole di domenica, a Lisbona, contro lo Sporting verrà confermata o annullata all’ultimo momento per motivi precauzionali.