Maggiore videosorveglianza in attesa dell’arrivo di ulteriori cento uomini, dopo i primi innesti avvenuti tra novembre e febbraio, queste le parole del questore Antonio De Iesu, intervenuto a margine della festa per i 167 anni della Polizia di Stato al Maschio Angioino di Napoli, dopo l’omicidio poco distante da una scuola avvenuto nel Rione Villa a San Giovanni a Teduccio. “Si lavora con quel che si ha”, ha ribadito circa la carenza di personale, elogiando la collaborazione interforze, ricordando anche la diminuzione degli omicidi del 40% rispetto allo scorso anno. Il questore ha poi ricordato gli importanti risultati investigativi, sfociati in processi conclusisi con delle condanne, in merito ai clan di camorra e agli omicidi e alle violenze perpetrati dalle cosiddette baby gang, ma la battaglia prosegue, come ha tenuto a precisare.