Una barca con 51 migranti a bordo è arrivata davanti la costa calabrese, nel crotonese. L’imbarcazione si è capovolta e le urla delle persone a bordo hanno svegliato alcuni residenti di Torre Melissa, sulla costa jonica. I cittadini hanno subito allertato i soccorsi.

A bordo dell’imbarcazione c’erano anche donne e bambini. I profughi, di etnia curda, sono stati trasferiti in un hotel della zona per rifocillarsi e asciugarsi. Nelle prossime ore saranno portati nel centro di accoglienza per richiedenti asilo di Isola Capo Rizzuto.

Fra i primi a raggiungere il posto il sindaco di Melissa, Gino Murgi, che, come riferisce l’agenzia Agi, si è prodigato con alcuni cittadini nei soccorsi. Le sei donne ed i quattro bambini che erano a bordo sono stati fatti salire su un’altra imbarcazione per essere tratti in salvo.

Terminate le operazioni di soccorso, sono iniziate le procedure di rito da parte delle forze dell’ordine, tra cui Capitaneria di Porto, Croce Rossa, Vigili del Fuoco, 118, Carabinieri e polizia.

“Grazie alle tante persone che, nelle scorse ore, nei pressi di Crotone, si sono mobilitate per aiutare una barca in difficoltà con una cinquantina di migranti a bordo, tra cui un neonato. In questi giorni difficili dalla Calabria arriva un bel segnale di umanità”, ha detto il senatore del Pd Ernesto Magorno, commentando lo sbarco.