“Non un passo indietro”, continuano le mobilitazioni dell’universo scuola, contro la decisione del governatore Vincenzo De Luca di sospendere la didattica in presenza dalla scuola primaria in su per arginare l’ondata di contagi da covid-19 in Campania. Tutti, dirigenti scolastici, insegnanti, genitori, personale scolastico e dell’universo afferente all’istruzione chiedono con forza il ritorno in classe, garantendo il rispetto di ogni protocollo anticontagio e ricordando quanto sia importante la socializzazione per i giovani, la diversità di un percorso didattico che non sia soltanto virtuale, dalla piazza insomma, la richiesta è di puntare su altro che non sia la scuola per fermare il nuovo coronavirus.