Timber by EMSIEN-3 LTD
Tecnologia

Rosa D’Amelio: necessaria un’azione mirata sinergica di contrasto al fenomeno del cyberbullismo

SANT’ANGELO DEI LOMBARDI – “Nessuna comunità, neppure quelle più al riparo dall’influenza della criminalità come potrebbero sembrare le province interne della Campania, si può tirare fuori da un’azione mirata e sinergica di contrasto al fenomeno del cyberbullismo e del bullismo.

Ad esempio, poche settimane fa nell’hinterland di Avellino, due giovani hanno sequestrato, picchiato e derubato un loro coetaneo arrivando alle minacce di morte. E’ quindi dovere delle Istituzioni, a tutti i livelli, far diventare il disagio giovanile centrale nelle loro attività, a partire dalle famiglie e dalla scuola per evitare una pericolosa deriva violenta nelle relazioni con attori i più giovani”.

Lo ha detto Rosa D’Amelio, presidente del Consiglio Regionale della Campania al forum “@scuolasenzabulli, prevenzione per combattere il cyberbullismo” che si è svolto nell’auditorium “Falcone e Borsellino” dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Francesco de Sanctis” di Sant’Angelo dei Lombardi.

I lavori sono stati introdotti da Domenico Falco (presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Campania) Ivana Nasti (direttore Servizio Ispettivo, Registro e Corecom dell’Agcom), Massimo Iapicca (Confindustria Avellino) e Rosanna Repole (sindaco del Comune di Sant’Angelo dei Lombardi).
Al dibattito, moderato da Gerardo Cipriano (dirigente scolastico I.I.S.S. “F. De Sanctis”), sono intervenuti Massimo Cagnazzo (Comandante Provinciale Carabinieri Avellino), Claudio Aletta (direttore tecnico principale della Polizia Postale), Marco Iannelli (Capo Segreteria del Direttore Servizio Ispettivo, Registro e Corecom dell’Agcom) e Concetta Battimelli (Medico legale).

“Con il Corecom Campania abbiamo deciso di fare tappa al “Francesco de Sanctis”, con la nostra campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro bullismo e cyberbullismo – ha aggiunto Rosa D’Amelio -, perché alcune classi dell’Istituto di Sant’Angelo dei Lombardi l’anno scorso erano state protagoniste, con una specifica proposta di legge su questo tema, del progetto ‘Ragazzi in Aula’, che ho voluto rilanciare da quando sono presidente del Consiglio regionale. Quel testo è stato recepito, assieme ad altri, nella legge che abbiamo approvato qualche mese dopo e che ci ha permesso di anticipare anche il Governo nazionale su questa materia. Il problema è sentito, come testimoniano le sollecitazioni arrivate in Consiglio da diverse scolaresche, ed è largamente diffuso.

La legge che abbiamo approvato nel 2017 in Consiglio regionale, oltre a istituire a inizio febbraio la “Settimana regionale contro il bullismo ed il cyberbullismo” e il “Comitato regionale per la lotta al bullismo ed al cyberbullismo”, opera proprio in direzione del fare rete tra le diverse Istituzioni. Promuove infatti una serie di cose: corsi specifici di formazione per il personale scolastico e per gli educatori per acquisire tecniche di prevenzione psico-pedagogiche ed educative, ma anche per i genitori; forme di collaborazione con il mondo della giustizia, le forze dell’ordine, gli enti locali e le Asl.

La legge inoltre invita a sviluppare campagne di sensibilizzazione, anche sull’uso consapevole di internet, dei nuovi media e dei videogiochi, e programmi di sostegno alle vittime di bullismo e cyberbullismo. Uno dei suoi aspetti più innovativi è la promozione dell’educazione tra pari, cioè dello scambio di esperienze tra giovani. Questa strategia educativa consente ad alcuni ragazzi, adeguatamente formati, di essere protagonisti di attività di gruppo organizzate per i loro coetanei così da sviluppare una cultura responsabile e consapevole volta al rispetto degli altri e della diversità, all’uso corretto degli strumenti digitali e alla tutela dell’integrità psico-fisica dell’individuo.

La diffusione di questi fenomeni – ha concluso il presidente del Consiglio Regionale della Campania – affonda le radici in una serie di cause, ma è indubbio che la migliore risposta che come Istituzioni politiche, assieme alle famiglie e alla scuola possiamo dare sia di natura culturale, agendo sulla formazione delle giovani generazioni”.

E’ sul mercato il nuovo Samsung Galaxy S9 e S9+. Poche modifiche nella forma, ma molte nella sostanza. A Barcellona, in occasione del Mobile Word Congress 2018, Samsung ha presentato i suoi nuovi smartphone di punta. Questa volta, la casa coreana ha deciso di non modificare eccessivamente il design dei nuovi dispositivi, ma viceversa le caratteristiche tecniche hanno subito un notevole slancio in avanti.

I nuovi Samsung S9 e S9+ si presentano con uno schermo borderless, così come il suo predecessore. Al suo interno, però monta il chipset Exynos 9810 e dispone di una RAM di ben 4 GB, con 64 GB di memoria interna. Ma, non contento, il dispositivo ospita un ingresso per la memoria esterna, fino ad un massimo di 400 GB. Il Galaxy s9+ monta invece lo stesso chipset del suo fratello minore, ma dispone di 6 GB di RAM. La memoria interna è sempre di 64 GB, e anche l’espansione a 400 GB con memoria esterna resta la medesima. Per quanto riguarda lo schermo, mentre il Galaxy S9 si presenta con un 4.8 pollici Quad HD+, l’S9+ si fregia di 6.2 pollici Quad HD+. La densità dei pixel, tuttavia, è maggiore in S9, con un 570ppi contro i 529 dell’S9+.

La vera novità dei due nuovi telefoni di casa Samsung è proprio il decisivo miglioramento della fotocamera, date le aspre critiche mosse per il Galaxy S8, la cui fotocamera non era considerata all’altezza. Samsung sembra quindi aver capito i suoi errori, ed aver investito gran parte delle risorse sul miglioramento della fotocamera. Infatti, il Samsung Galaxy S9 è dotato di una fotocamera di 12 Megapixel, con doppia apertura focale da F1,5 e F2,4. Ciò permette al dispositivo di adattarsi maggiormente ad ogni condizione di luce, grazie anche alla noise reduction, che riduce il “rumore” dello scatto del 30% rispetto all’S8.

Il risultato sono delle foto nitide e definite, anche in condizioni di scarsa luminosità. La fotocamera frontale ha un sensore da 8 Megapixel, con apertura focale da F1,7.

Il Galaxy S9+ monta la stessa fotocamera posteriore, ma si differenzia dall’S9 per la fotocamera anteriore, dotata di un sensore da 12 Megapixel con apertura focale e zoom migliorati. Entrambi i cellulari supportano i video in super slowmotion, con la possibilità di registrazione a 960 frame per secondo. Passiamo alla batteria: il Galaxy S9 è alimentato da una batteria a 3000 mAh, con supporto a ricarica rapida; l’S9 plus ha una batteria da 3500 mAh con ricarica super veloce.

Chiudiamo con la disponibilità e il prezzo. I Galaxy S9 e S9+ sono disponibili in preordine da ieri, 25 febbraio, in tre colori: Midnight Black, Lilac Purple e Coral Blue. La vendita vera e propria partirà dal 16 marzo, sebbene chi ha effettuato il preordine potrà avere il suo smartphone a partire dal 7. Il prezzo di lancio del Galaxy S9 sarà di 899 euro, quello dell’S9+ di 999 euro. Consegnando il proprio usato nella fase di preordine del telefono sarà possibile ottenere uno sconto fino a 450 euro.

[VIDEO]

“Il Nauticsud è una manifestazione di grande importanza per la nostra città. Vogliamo offrire un contributo concreto per chiarire a tutti i potenziali acquirenti delle imbarcazioni esposte la convenienza del contratto di leasing, nonché l’incidenza dell’acquisto sul redditometro, soprattutto per rassicurare i contribuenti: oggi infatti, se reddito e patrimonio sono coerenti con la spesa effettuata, non c’è nulla da temere”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli presentando il forum organizzato dall’Odcec partenopeo su nautica e fisco

 

by -
309

L'idea è di Stanislao e Giuseppe Montagna che hanno realizzato il software innovativo

Parte da Napoli e conquista il mondo l’idea di Stanislao e Giuseppe Montagna che in tre anni di ricerca hanno messo su un software con al suo interno un potente algoritmo in grado di scovare in real time i prodotti più venduti sul web.

Il software si connette in tempo reale alle più grandi piattaforme di selling on line quali Amazon, Ebay, Aliexpress e molte altre. La piattaforma è in grado di stilare classifiche di prodotti divisi per categoria e per numero di venduti, riesce ad analizzare singoli stores o singoli venditori, nonché singole categorie e prodotti specifici.

Alla domanda: Quale potrebbe essere l’utilità di sapere quali sono i prodotti più venduti? Stanislao risponde così: “Conoscere cosa si vende di più è come sapere cosa hai voglia di mangiare prima che entri al ristorante ed avere la possibilità di farti servire proprio il piatto che hai in mente”.

I due progettisti partenopei sono stati già contattati da alcune società multinazionali, ma il loro intento è quello di cedere il software in uso esclusivo al miglior offerente.

Il futuro del commercio è internet e questo ormai si sa, ma che gia si possa essere in grado di conoscerlo a fondo è davvero un gran passo per i “web business men”.

by -
290

Fare industria usando la biologia, questa la mission di Biologic. Un centro di ricerca e sviluppo che utilizza tecnologie per realizzare prodotti a matrice bio e mettere a punto nuovi processi di lavorazione in ambito manifatturiero. E’ nato a Cava dei Tirreni Biologic, il primo BioFabLab del sud Italia. Un laboratorio di bio manifattura, ma anche un centro di ricerca innovativo, promosso e gestito da Knowledge for Business. In parole povere da materiali biologici verranno prodotti vestiti, mobili, accessori e prodotti farmaceutici.

Grande successo per la 13 edizione de la Befana dei prematuri, evento organizzato dall’Associazione Soccorso Rosa-Azzurro Onlus, per i neonati prematuri e gli ex-prematuri, ricoverati presso l’Unità Operativa Complessa di Neonatologia, diretta da Francesco Raimondi, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. I festeggiamenti quest’anno arrivano dopo un anno di lavoro con 300 ricoveri in terapia intensiva neonatale.

by -
466

E’ stato inaugurato a Salerno il primo Hub di innovazione digitale della Campania, FAB4. Gestito da Confartigianato Salerno si occupera’ di supportare le imprese nelle attività di pianificazione degli investimenti innovativi e sara’ interlocutore delle istituzioni scolastiche, il sistema universitario e i centri di ricerca, al fine di agevolare l’incontro tra la domanda e l’offerta di innovazione. Fab4 si avvale di una rete di supporto composta da SellaLab, Medaarch, Knowledge for Business, che mettono a disposizione professionalità ed esperienze in diversi ambiti dell’innovazione. Le attività inizieranno il 10 gennaio con l’apertura dello sportello per le imprese e con l’info day sul voucher per la digitalizzazione. Il 25 gennaio in programma la presentazione delle opportunità di finanziamento del piano industria 4.0. Dall’ultimo sabato di gennaio, con cadenza mensile, partiranno i workshop gratuiti di Design Idea presso il Mediterranean Fab Lab di Cava de’ Tirreni.

by -
675

So.Re.Sa. ha rappresentato la Campania nella e-HealtH Conference, svoltasi dal 16 al 18 ottobre nella capitale estone. La conferenza ha riunito, inoltre, i responsabili politici dell’UE e i ministri degli Stati membri responsabili per la salute, i rappresentanti delle organizzazioni dei pazienti, le aziende IT e sanitarie nazionali e internazionali, gli operatori sanitari, i gestori sanitari e il settore ricerca e sviluppo. Scopo del vertice, illustrare le soluzioni digitali e le tecnologie del settore salute già esistenti sul mercato, per dimostrare la realtà di sistemi e servizi sanitari “value-adding citizen-centric”.

by -
460

Al via ottava edizione di Technologybiz: con 40 incontri in Agenda previsti per due giorni presso la Mostra d0’Oltremare di Napoli, saranno approfonditi i temi legati al mondo delle innovazioni tecnologiche. Ideato sul modello del “CISCO live”, una delle più grandi rassegne mondiali su informatica e sviluppo tecnologico, il TechnologyBIZ è una iniziativa di animazione territoriale e business networking, strutturata e ricorrente, attiva dal 2009 su domini tecnologici prioritari per il Sud Italia.TBIZ è sostenuta da una smart community che promuove la Cultura dell’Innovazione, stimola la cooperazione extraregionale, favorisce i processi di open innovation ed il trasferimento tecnologico creando matching fra domanda e offerta di innovazione. Un contenitore di eventi diversi che mette in contatto le esigenze di informatizzazione delle imprese con l’offerta più qualificata sul mercato. Tecnologybiz studia il modo per migliorare il potenziale ottimizzando le risorse e le eccellenze. Tra le domande cui si prova a porre risposta c’è come si possano incrementare le vendite nei mercati esteri. Tanti gli ospiti e gli esperti del settore. Tra di essi anche la responsabile italiana delle relazioni tra agenzie creative e Google Italia Marianna Ghirlanda.

by -
559

Nell’ attesissimo keynote di Cupertino e’ stato presentato l’ ultimo smartphone di casa Apple, Iphone X, “ten” in caratteri romani, per celebrare il decennale del dispositivo che ha fatto le fortune dell’ azienda americana del visionario Steve Jobs. Vetro in fronte e retro (come lo fu il 4, uno dei maggiori successi commerciali e all’ epoca della sua uscita il piu’ rivoluzionario ed elegante smartphone in circolazione), cornice in acciaio. La novita’ piu’ interessante, al netto del design, che non si discosta molto dagli ultimi modelli di melafonino, e’ il Super Retina Display, che consente il riconoscimento facciale con la cosiddetta tecnologia “Face ID”: manca il tasto home fisico, dunque, lo sblocco del telefono avverra’ semplicemente specchiandosi allo schermo da 5.8 pollici. E se Siri gia’ e’ in grado di riconoscere la nostra voce, i nostri gusti, le nostre ricerche, Face ID sara’ in grado di riconoscere il nostro aspetto fisico, capelli, occhi, naso, orecchie, anche dopo una visita dal barbiere. Inoltre, se vi divertite ad inviare emoticons come se non ci fosse un domani, con la tecnologia del riconoscimento facciale sara’ possibile trasformarle in Animoji, con le nostre espressioni e la nostra voce. Detto della fotocamera ulteriormente implementata e della ricarica wireless (con l’ apposito caricatore AirPower), Iphone X arriva in Italia ai primi di novembre a partire da 1189 euro. Con uno stipendio si compra il futuro, chi e’ pronto a mettersi in fila?