Timber by EMSIEN-3 LTD
Seguici su Facebook sulla pagina https://www.facebook.com/SIcoMunicazione
Politica

Tende da campeggio, cori, volantini e uno striscione lungo oltre sei metri calato dal palazzo del consiglio regionale della Campania. Protesta eclatante del movimento cinque stelle al Centro Direzionale di Napoli. I grillini campani chiedono con gran forza al governatore De Luca la modifica del calendario dei lavori e concentrare tutti gli sforzi sull’emergenza Terra dei fuochi.

“Oggi non facciamo un minuto di silenzio per la morte di una persona, ma per la morte di una montagna. Quando accaduto, per quanto mi riguarda, equivale ad un omicidio”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, nel corso della seduta del Consiglio comunale, motivando così la richiesta di osservare un minuto di silenzio per i numerosi incendi che da giorni stanno funestando le colline del Vesuvio e altri territori della città.
L’intesa su Bagnoli, sarà definitivamente ratificata il 27 luglio nella riunione della cabina di regia presieduta dal presidente del Consiglio Gentiloni. Il sindaco, ha spiegato che si è tratta di un accordo “che non tradisce la città” e che la trattativa è stata “molto complicata”. “Napoli ha vinto perché ha una sua autorevolezza. Noi – ha sottolineato – ci saremmo assunti l’impegno di non firmare l’intesa se non avesse contenuto quanto previsto nel nostro programma”.

by -
205

Scet-up è la nuova piattaforma multimediale per mettere in contatto societá civile ed istituzioni ideata da Gabriella Fabbrocini dirigente di Alternativa Popolare che l’ha presentata a Napoli, alla presenza dal prof. Mario Delfino, del capogruppo alla Camera Maurizio Lupi, del sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano e dell’ex senatore e attuale Rettore dell’Università Campus Biomedico di Roma Raffaele Calabrò. “Sentivamo la necessitá di uno strumento rapido, efficiente ed efficace in grado di creare un dialogo costruttivo con le istituzioni – spiega la Fabbrocini – l’obiettivo è lo scambio e l’integrazione di informazioni ed esperienze per attivare iniziative concrete”. Quattro le grandi aree di interesse individuate: ambiente/vivibilitá; sanitá/diritto alla salute; istruzione/cultura e lavoro/sviluppo. “Attraverso la pagina Fb dedicata – precisa la Fabbrocini – la partecipazione è aperta a tutti quelli che vorranno portare il proprio contributo, non solo per Napoli ma per tutto il Mezzogiorno”

“Nella progettazione e realizzazione delle grandi opere pubbliche è essenziale il coinvolgimento delle comunità. Il nuovo codice degli appalti apre a questo tipo di innovazioni e per noi questa è una strada obbligata per il bene del paese. Si apre finalmente un dibattito pubblico sul tema dei processi partecipativi in Italia, per ora solo sulle grandi opere ma in prospettiva questi processi dovranno riguardare tutte le opere che si ritengono indispensabili e importanti per la vita di un territorio”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio intervenuto con un video messaggio al convegno di studi “Innovazione nei processi partecipativi per lo sviluppo delle grandi opere” tenuto presso il Centro Congressi della Federico II a Napoli. Promosso dalla Tecnosistem Spa, azienda napoletana di ingegneria avanzata per celebrare il suo 40esimo anno di attività, il convegno ha visto la partecipazione di Luigi Nicolais, presidente di Tecnosistem, Ennio Cascetta, presidente della Metropolitana di Napoli, Gaetano Manfredi, rettore dell’Università di Napoli “Federico II” e Umberto de Gregorio, presidente dell’Ente Autonomo Volturno. “Riteniamo che l’adozione dei processi di progettazione partecipata – ha spiegato Salvatore Rionero, amministratore delegato di Tecnosistem Spa – modificherà fortemente il processo di sviluppo delle opere pubbliche nel nostro Paese. In tal senso, il Nuovo Codice degli Appalti ha recepito l’esigenza sempre più diffusa di coinvolgere la più ampia parte dei cittadini nelle trasformazioni della città e del territorio”.

Contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e incrementare il controllo sulle aree di sosta gestite dall’ANM di Napoli, questi i principali compiti affidati ai nuovi 123 ausiliari del traffico che hanno conseguito il brevetto di polizia amministrativa.
I due aspetti sono strettamente legati fra loro perché spesso i parcheggiatori si appropriano delle strisce blu costringendo i cittadini da un lato ad affidarsi all’illegalità e dall’altro a non pagare il corrispettivo per la sosta all’azienda dei trasporti del comune.
La consegna dei tesserini è avvenuta a Palazzo San Giacomo, alla presenza del sindaco De Magistris, dell’assessore alla Mobilità, Mario Calabrese, del nuovo amministratore unico di Anm, Ciro Maglione e del presidente della commissione Mobilità, Nino Simeone.
L’incremento delle entrate “è una delle azioni messe in campo per rilanciare l’azienda”, ha spiegato l’assessore Calabrese.
“Non possiamo nascondere che ci siano serie difficoltà ma in queste settimane ho visto un forte senso di affezione del personale all’azienda”, le parole dell’ amministratore unico di Anm, Ciro Maglione.

“Negli ultimi 27 anni, secondo una nostra ricerca, i dissesti dichiarati dai Comuni sono stati 556. È un dato che fa riflettere soprattutto perché il 70 per cento dei dissesti si è verificato nel Sud Italia e nelle isole, e la maggior parte è avvenuta in città con meno di 15 mila abitanti. Sono dati significativi, per contrastarli occorre introdurre metodi di calcolo che ci consentano di prevenire il dissesto, intervenendo in una fase precedente con l’introduzione di un rating finanziario che dovrebbe portarci a conoscenza della salute degli enti locali”. Lo ha detto Mario Michelino, consigliere dell’Ordine dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli, aprendo il convegno “La crisi dell’ente locale e le procedure di risanamento”.
“Promuovere, nel generale contesto di difficoltà finanziaria degli enti locali, il dibattito sugli strumenti previsti per il risanamento degli stessi enti e per rimarcare il ruolo del revisore in tale contesto è uno degli obiettivi dell’Ordine dei dottori commercialisti di Napoli”, ha evidenziato in un messaggio Vincenzo Moretta, numero uno Odcec partenopeo.

“Sono felice di essere qui, dopo la tempesta dalla quale siamo usciti. Ci siamo molto preoccupati per le sorti di questo direttore che sta lavorando benissimo. Mi pare che Giulierini stia facendo un lavoro straordinario”. Queste le parole di Dario Franceschini subito dopo chiuso la cerimonia di presentazione della statua marmorea di “Zeus in trono” nella sala 91 al secondo piano del Museo archeologico: accanto a lui il direttore Paolo Giulierini.

Lunedì 10 luglio presso la Sala Nassiriya si è tenuta una Tavola Rotonda sui temi del Testamento Biologico e delle barriere architettoniche. Presente anche il Presidente Consiglio Regionale della Campania, Rosa D’Amelio. Ha moderato l’incontro Michele Schiano di Visconti, Consigliere Regionale della Campania e sono intervenuti Filomena Gallo, Segretario nazionale associazione Luca Coscioni e Giuseppe Alterio, Presidente cellula Luca Coscioni Napoli.

E’ arrivata intorno alle 7 di questa mattina, nel porto di Salerno, la nave di Medici senza Frontiere con a bordo 935 migranti tra cui 7 donne in stato di gravidanza e una in travaglio, 6 minori e due neonati. I migranti dopo le operazioni di sbarco saranno trasferiti secondo il Piano Nazionale di Riparto. Centocinquanta verranno accolti in strutture della Regione Lombradia, cento in Campania, altrettanti nel Lazio (Frosinone, Latina, Viterbo), ottanta in Piemonte, cinquantacinque in Veneto, cinquanta in Emilia-Romagna e altrettanti in Abruzzo, Molise, Umbria e Marche.
“E’ giusto, sottolinea il Prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, che i sindaci di tutte le città diano un contributo al sistema di sbarco e di accoglienza perchè caricare solo sui porti di alcune città potrebbe determinare un impatto più pesante”.
Momento toccante, durante le operazioni di sbvarco, una donna nigeriana, mentre stava scendendo dall’imbarcazione, ha intonato un canto di preghiera del suo Paese. Una litania dolce e toccante, che ha spinto uno dei soccorritori a chiederlo di ripeterlo attraverso un microfono. La preghiera, che ha suscitato l’emozione dei presenti, si è poi conclusa con l’applauso dei migranti, dei soccorritori e di tutti coloro presenti sul molo.

ULTIME NOTIZIE

120
Il festival, realizzato grazie al supporto della regione Campania in collaborazione con il MiBACT, il Parco Archeologico dei Campi Flegrei, la Fondazione Campania dei...