Timber by EMSIEN-3 LTD
Cultura

by -
83

Relax e Benessere tornano alle Terme di Agnano dopo un accurato restyling. Il parco si trasforma in un’oasi del benessere dedicata al corpo di oltre 44 ettari con sorgenti termali e sbuffi sulfurei, alberi secolari e prati verdi, con 7 piscine tra indoor e outdoor, sale massaggio, solarium, sauna, area relax e un natural bar bistrot. Il tutto a pochi minuti dal centro città, come ha spiegato Emanuela Iuffredo, amministratrice Tda. Il nuovo Parco del Benessere delle Terme di Agnano, gestito dalla società TDA, sfrutta le acque che alimentano le piscine e le vasche idromassaggio termali e che sgorgano ad 84 gradi centigradi e si trova all’interno delle Terme di Agnano storico complesso termale, nato sui resti di un antico e grandioso impianto termale d’epoca greco-romana, edificato nella Conca di Agnano, alle pendici del Monte Spina, lungo l’antica strada che univa Napoli a Pozzuoli. Tutti ingredienti che ridanno alle Terme una nuova vita e un futuro, come ha confermato Massimo Grillo Liquidatore della vecchia società Agnano Spa

by -
252

Vincenzo Russo, scrittore e animatore culturale impegnato nel sociale, racconta la storia di Claudio che, costretto a delinquere dopo un’adolescenza difficile e un impossibile inserimento nel mondo del lavoro, finisce al carcere di Poggioreale. Il libro è stato presentato nell’aula Caduti di Nassirya. Al centro della narrazione un’amicizia tra due detenuti. Il volume è stato presentato qalla presenza dell’autore e del consigliere regionale PD, Gianluca Daniele.

 

by -
84

La IV edizione si terrà domani mattina alle ore 10 nella sala conferenze del Circolo Ufficiali a Palazzo Salerno

 

NAPOLI – “Le donne in divisa” saranno le protagoniste della IV Edizione del Premio Nazionale Mario Fiore promosso dall’Anget (Associazione Nazionale dei Genieri e Trasmettitori) sezione di Napoli, presieduta da Adriano Esposito.

“Quest’anno la giuria del premio ha deciso di valorizzare il ruolo svolto dalle donne nella forze armate e nelle forze dell’ordine (esercito, aeronautica, polizia di stato, carabinieri e guardia di finanza) che rappresentano un valore aggiunto per la loro specificità nel mondo della sicurezza”.

Nel corso della manifestazione saranno attribuiti anche i riconoscimenti a coloro che quotidianamente si impegnano in favore della collettività con lo stesso spirito di sacrificio che ha contraddistinto le gesta del maggiore Mario Fiore, medaglia d’oro al valor militare”.

Salute e alimentazione, cibo e ambiente. Ripartono da temi di grande attualità le riflessioni de “Il Sabato delle Idee”, il pensatoio progettuale fondato dallo scienziato Marco Salvatore che mette in rete alcune delle principali istituzioni culturali, accademiche e scientifiche del Mezzogiorno, dalla Città della Scienza all’IRCSS SDN. L’appuntamento, organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, ha scelto di lanciare un titolo amletico: “To Bio or not to Bio?”. Un incontro che prosegue un percorso di studio e ricerca sul binomio “salute e alimentazione” avviato dal Sabato delle Idee in collaborazione con due Università napoletane per un più forte impegno nella formazione dei giovani sui temi della prevenzione alimentare: l’Università Suor Orsola Benincasa, sede del primo Centro di Ricerca accademico italiano specificamente dedicato alla Dieta Mediterranea con la direzione dell’antropologo Marino Niola e l’Università degli Studi di Napoli Federico II che proprio in questi giorni ha avviato lezioni del neonato corso di laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee presso il Dipartimento di Agraria di Portici. “Può “l’era del bio” e del “direct food” (canali alternativi alla grande distribuzione organizzata), sfruttando il contributo di nuove tecnologie “bio-based”, generare una soluzione al dilemma di produrre di più mantenendo standard di qualità elevati e utilizzando solo risorse ambientali rinnovabili?”. Così Marco Salvatore, direttore scientifico dell’IRCSS SDN e fondatore del Sabato delle Idee, anticipa uno dei quesiti in discussione sabato su cui si gioca l’intera sostenibilità dell’attuale sistema alimentare non solo italiano, “anche alla luce dei cambiamenti climatici e sociali, degli effetti della produzione massiva sull’ambiente e sulle abitudini alimentari e delle problematiche connesse al junk food (cibi preconfezionati e relativi effetti sulla salute) e ai food deserts (le aree popolari dove è difficile trovare cibo di qualità)”.

«Nella ricorrenza del 75 anniversario delle Quattro Giornate di Napoli, coraggiosa insurrezione del Popolo partenopeo contro l’occupazione nazista, rivolgo il mio commosso pensiero alle vittime di un evento tra i più emblematici della seconda guerra mondiale, entrato a far parte della storia d’Italia». Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della ricorrenza delle quattro giornate di Napoli.

Un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce. Un vecchio aforisma del filosofo cinese Laozi è sicuramente molto azzeccato a Napoli, dove ovviamente le foreste non crescono e quindi non fanno rumore, mentre gli alberi cadono e fanno danni. Sono 1700 quelli da abbattere secondo un report del Comune di Napoli e pubblicato dal Mattino sui 28mila censiti. Occorrerebbe, anzi occorre metterli in sicurezza quanto prima, ma mancano i fondi. L’albero caduto in via Puccini martedì mattina era già stato segnalato a Palazzo San Giacomo come tanti altri che hanno ancora la fortuna di essere in piedi sulle loro radici. Quello caduto al Vomero, nei pressi del liceo Sannazaro, ha causato danni solo a delle autovetture parcheggiate nei pressi. Ben diversa la vicenda del 10 giugno 2013 che costò la vita a Cristina Alongi mentre lasciava la sua abitazione a bordo dell’auto. In quel caso un pino, malato da anni, cadde all’improvviso colpendo in pieno la panda gialla che transitava in via Aniello Falcone. Cristina fu uccisa dal tronco appesantito da rami e foglie lasciati crescere senza adeguati interventi, senza dare il giusto peso alla segnalazione di pericolo che il titolare di un bar della zona aveva rivolto alle autorità competenti pochi giorni prima. Per evitare che vicende come queste si ripetano il comune chiede aiuto. Nel giro di due anni potrà tagliare appena 360 alberi. Troppo pochi. Tanti di questi si trovano all’interno della Floridiana. L’assessore al Verde Maria D’Ambrosio spiega che non si tratta di tronchi pronti a cadere, ma di alberi malati da tagliare quanto prima.

 

Anche l’ostacolo, benchè piccolo, Parma è stato superato. Ora davanti al Napoli e alla rincorsa al primo posto resta solo la Juventus che continua il suo percorso a punteggio pieno. Sabato pomeriggio alle 18 allo Juventus Stadium ci sarà il tutto esaurito per la sfida che ormai da qualche anno è tra le due squadre più forti del campionato di serie A. Da una parte Ronaldo e Dybala con una compagine alle spalle fatta solo di campioni dal calibro internazionale, contro un Napoli completamente rinnovato e rivitalizzato da mister Ancelotti, brillante e pieno di seconde linee, che seconde linee non sono, in grado di giocare da titolari. Dal Parma alla Juve il passo è enorme, cosa pensano i tifosi azzurri ad appena 2 giorni dal prossimo incontro.

 

by -
77

Al prossimo congresso degli Italiani nel mondo che si terrà a Matera dal 5 al 7 ottobre prossimi per sottolineare le tipicità e le tradizioni delle regioni italiane, la Campania ad avere un ruolo di primo piano. Non è un caso, infatti, che proprio in questa regione siano state aperte contemporaneamente due sedi: a Napoli in via G. Porzio, Isola G1 del Centro Direzionale, scala, interno 65, e a Salerno in Via Santa Marina, 48.

ULTIME NOTIZIE