Timber by EMSIEN-3 LTD
Seguici su Facebook sulla pagina https://www.facebook.com/SIcoMunicazione
Cultura

by -
45

La pizzeria “Fresco Caracciolo” di Napoli ospita la mostra fotografica a cura del celebre fotografo partenopeo Mimmo Jodice e della figlia Barbara. L’ esposizione e’ sotto la direzione artistica di “Intragallery”. Il gruppo Fresco, attento alla cultura del bello e del buono nel territorio campano, ha deciso di accogliere nei locali dell’ultima nata, la splendida pizzeria Fresco Caracciolo, una collettiva fotografica di artisti campani emergenti.  L’eccezionale presenza della bravissima fotografa Barbara Jodice e del grande maestro della fotografia Mimmo Jodice, artista partenopeo riconosciuto a livello internazionale, testimonia il loro immenso amore per la città di Napoli e la loro forte sensibilità verso chi rimane sul territorio, e vi scommette investendo. Nasce in quest’ottica il contest espositivo “Cartoline da…Napoli”, finalizzato alla promozione dell’eccellenza partenopea, diventando così una destinazione iconica, appetibile ad un pubblico diverso per interessi e nazionalità. Talentuosi giovani fotografi sono stati invitati a raccontare con uno scatto la propria visione di Napoli, mostrandola nelle sue mille sfaccettature più iconiche o insolite e a dipingere una cartolina contemporanea della città. La foto vincitrice, alla quale sarà assegnato un premio di 1.500,00 euro, sarà̀ individuata tramite votazione dei clienti di Fresco Caracciolo. Più specificatamente: sarà approntata una legenda delle 14 foto esposte nel locale, numerate e titolate, in modo che i clienti possano votare in sede le loro preferenze. La foto maggiormente votata sarà la vincitrice del Premio. La Cerimonia di Premiazione avverrà̀ a marzo 2018.

by -
96

Il Teatro San Carlo inaugura la stagione d’ opera e balletto 2017/18 con l’ opera in tre atti di Giacomo Puccini, “La Fanciulla del West”. Il titolo del compositore toscano torna in scena sul palco del Massimo napoletano dopo oltre quaranta anni. Per il maestro Juraj Valchuca, che a ottobre ha inaugurato la Sinfonica, sara’ la prima apertura del cartellone lirico a Napoli, dove e’ direttore musicale dal 2016 e dove peraltro ha gia’ diretto “Turandot”. L’ allestimento sara’ a cura di Hugo De Ana, uno dei maggiori registi a livello internazionale e cast di grande prestigio con interpreti che hanno cantato gia’ questo repertorio nei maggiori teatri europei. In occasione della “prima” sara’, inoltre, allestita nel Corridoio delle Carrozze una galleria fotografica, a cura di Metropolitana di Napoli spa, visitabile anche successivamente e per tutto il periodo natalizio.

by -
434

Letteratura, cultura, cinema, televisione e musical. Sono queste le caratteristiche della prestigiosa manifestazione del Premio Elsa Morante. L’ evento, forte di una memoria storica ben radicata, ha tenuto collegati scrittori e intellettuali che fanno parte della giuria e quelli che di volta in volta hanno vinto nelle varie sezioni, arrivando a formare oggi una tra le più’ importanti reti culturali in Italia. Nel corso degli anni l’ ambito riconoscimento e’ andato a grandi firme della nostra letteratura, Annamaria Ortese, Stefano D’ Arrigo, Alda Merini, Camilleri, Raffaele La Capria, solo per citarne alcuni. Il Premio e’ suddiviso in più’ sezioni che danno spazio anche ad autori non ancora noti al grande pubblico, ai ragazzi, agli stranieri, oltre ai premi alla carriera ed all’ impegno civile. Dal 2012, in occasione del centenario della nascita della Morante, anche quello dedicato alla grande tradizione cantautore italiana, il “Morante musica”. Nel corso della 31esima edizione tra i premiati anche Renzo Arbore per il documentario “Da Palermo a New Orleans…e fu subito jazz” e Mogol. Premio speciale “Amici del Morante” per Simone Di Meo per il libro “Gotham City. Viaggio segreto nella camorra dei bambini”. La valenza culturale del Premio e’ ribadito dal successo ottenuto nel corso degli anni: la manifestazione oggi e un’ istituzione letteraria ed appuntamento fisso della cultura italiana.

re

by -
241

Cerimonia di consegna del premio “GreenCare 2017” al Mann per l’ azione “introduzione di arte contemporanea in un giardino pubblico”. Un premio che la Giuria del GreenCare ha assegnato al Mann, ex equo con la Metropolitana di Napoli, riconoscendo il valore degli innesti di arte contemporanea nei giardini, quali elementi che donano, attraverso un’opera di cura e valorizzazione, un’esperienza del tutto nuova di un luogo anche molto conosciuto. Il Direttore Paolo Giulierini ha accolto la delegazione di giurati, Maria Rosaria de Divitiis, presidente del FAI Campania e Riccardo Motti, direttore dell’Orto Botanico di Portici e di sponsor, il cavaliere del lavoro Gianni Russo, presidente della Russo di Casandrino Spa, con la moglie Delfina. Ricevendo il Premio dalle loro mani, Giulierini ha annunciato che il Mann continuerà nell’impegno di restituzione ai visitatori degli spazi verdi, anche con l’ampliamento a verde del terzo cortile. Ma molte altre sono le pregevoli iniziative “green” che il Mann intraprenderà, da qui e fino ad ottobre del 2018. Alla breve cerimonia privata, ospitata al Mann nella sezione degli Affreschi, al piano della Sala della Meridiana, erano, inoltre, presenti la responsabile dell’Ufficio stampa del Mann Ornella Falco, il responsabile dell’Ufficio stampa del Premio GreenCare Marco Caiazzo, la responsabile della Segreteria organizzativa del Premio GreenCare Federica Palmer.

by -
100

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli diretto da Paolo Giulierini, organizza “Archeologia ferita”,  una due giorni  internazionale sulla lotta al traffico illecito e alla distruzione dei beni culturali, con il coinvolgimento  dell’Università di Napoli Federico II,  e la collaborazione della prof. Daniela Savy, docente di Diritto europeo dei beni culturali. Il traffico illecito nel mondo dell’arte ha un valore annuo nel mondo di 8 miliardi di dollari.  Tale “mercato” si realizza attraverso il furto di opere, il saccheggio dei siti e degli scavi archeologici, il traffico di reperti durante i conflitti armati, il terrorismo e la contraffazione, l’uso di documenti falsi che accompagnano i beni. Contrastare questo “mercato” ha lo scopo di salvaguardare l’identità culturale dei popoli e di preservare il patrimonio dell’umanità.  La domanda di arte e antichità proviene da paesi ricchi e sviluppati. In questi Stati è evidente un sistema forse non adeguato ad assicurare un’azione di monitoraggio delle reti o dei luoghi dove gli scambi illegali maggiormente si realizzano. L’offerta deriva per lo più dai paesi in via di sviluppo e dai paesi sotto assedio, ma non solo. Spesso l’offerta clandestina nasce da nazioni come l’Italia estremamente ricchi di patrimonio archeologico. Al seminario si confronteranno i rappresentati del MiBACT e di prestigiosi musei internazionali, il nucleo antitraffico illecito di Roma, la Procura della Repubblica di Napoli, funzionari del MANN, archeologi e giornalisti esperti in materia con lo scopo di raccogliere le esperienze, e fare il punto sullo stato dell’arte a livello di istituzioni nazionali e organizzazioni internazionali quali ONU, Unione europea, Consiglio d’Europa, ICOM, UNIDROIT. Obiettivo dei due giorni di studio è quello di formulare proposte per contribuire ad un miglioramento del sistema di lotta al traffico illecito.

by -
133

In occasione del 400° anno dalla fondazione del Carisma Vincenziano e del 20° anno dalla beatificazione di Federico Ozanam, la Società di San Vincenzo de Paoli ha organizzato il Convegno dal titolo: “Carità e Media”. Contemporaneamente in più città, Milano, Torino, Roma e Napoli, giornalisti, operatori dei media e volontari sono stati riuniti in una tavola rotonda virtuale attraverso un sistema di video-conferenza che ha permesso a pubblico e relatori di interagire reciprocamente. A Napoli, in particolare, sono intervenuti nella sede del Centro di Servizio del Volontariato, insieme a Monica Galdo della Federazione Nazionale Gianni Molinari del Mattino e Francesco Gravetti di Comunicare il Sociale.

by -
159

Centomila fedeli hanno sfidato il maltempo per assistere alla discesa del quadro della Madonna di Pompei, nella Basilica della citta’ mariana, e per rendere omaggio alla sacra icona.  Il 13 novembre, come da tradizione, il Quadro della Vergine del Rosario è stato fatto scendere dal Trono e posto davanti all’ altare per la venerazione dei fedeli. Il rito ricorda l’ arrivo a Pompei della Tela Sacra, nell’ anno 1875, trasportata da Napoli a bordo di un carro di letame su volonta’ del beato Bartolo Longo che aveva ricevuto l’ icona in regalo da suor Concetta de Litala del Convento del Rosario a Porta Medina. In questo giorno migliaia di devoti si recano qui in pellegrinaggio per baciarla. La tela resta davanti all’altare per l’intera giornata e viene ricollocata sul trono solo quando l’ultimo fedele in fila avrà potuto renderle omaggio.

by -
703

“La depressione in adolescenza”, “Lo stress e il gruppo di lavoro”, “L’approccio sistemico al disagio professionale” e le “Nuove dipendenze” sono stati gli ambiti di ricerca  e di clinica discussi durante il convegno “Le relazioni assenti – Patologie emergenti in una società che cambia”, organizzato dal comitato scientifico composto da Maria Serena Mastrangelo, Maria Rosaria Solla e Antonia Cunti e presieduto dal fondatore dell’Istituto di Psicologia Relazionale in Campania Luigi Baldascini. Un appuntamento annuale che intende esplorare, la fragilità relazionale che caratterizza i contesti familiari, sociali e professionali. Cercando di  indicare ai terapeuti chiavi di lettura e di intervento”.  L’Istituto di Psicoterapia Relazionale, diretto dal professor Luigi Baldascini e fondato nel 1990, si occupa di clinica,  ricerca e  formazione. In tale ambito è inserita la scuola di Specializzazione in Psicoterapia Relazionale, riconosciuta dal M.I.U.R. E sono tanti i progetti in programma.

ULTIME NOTIZIE

16
La cucina mediterranea non perde colpi: l' Accademia MedEATerranea ha siglato presso la sua sede nella Mostra d' Oltremare di Napoli un protocollo d'...