Cronaca

0 69

Giornata di approfondimento sul tema previdenza all’Odcec Napoli Nord con il presidente della Cassa Walter Anedda

AVERSA – Domani mattina alle ore 09,00 il numero uno della Cassa di Previdenza dei dottori commercialisti, Walter Anedda, presenterà le opportunità e le criticità che riguardano gli effetti pensionistici e assistenziali che investono la categoria, presso l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo.

Con Anedda interverranno il consigliere di amministrazione dell’ente, Salvatore Palma, che illustrerà ai colleghi lo stato di salute della Cnpadc e il delegato alla Cnpadc dell’Odcec Napoli Nord Gennaro Ciaramella che renderà noti, invece, i servizi offerti agli iscritti in termine di assistenza e prevenzione, anche attraverso la polizza sanitaria.

Guido Rossi, vicepresidente dei commercialisti di Napoli Nord, evidenzia l’importanza dell’evento formativo per i propri iscritti, quale occasione per approfondire tematiche che riguardano il futuro previdenziale dei professionisti. Inoltre la partecipazione all’evento, attribuirà fino a 4 crediti formativi in materie obbligatorie (speciali) validi per la formazione professionale continua obbligatoria del commercialista e dell’ esperto contabile.

L’Odcec di Napoli Nord e la Cnpadc hanno previsto, per questa occasione, la presenza in sede dei funzionari della Cassa di Previdenza, che potranno offrire agli iscritti presenti, un servizio di consulenza, analizzando il proprio piano contributivo, anche con apposite simulazioni e proiezioni.

L’evento si terrà nella sala conferenze della sede di Aversa (via Armando Diaz, 89) ed stato organizzato in collaborazione con l’Unione giovani dottori commercialisti ed esperti contabili e l’Associazione italiana dottori commercialisti di Napoli Nord.

0 123

Bucciano, il consiglio comunale approva il regolamento anti – ludopatia

Si è svolto nella serata di mercoledì, la seduta del consiglio comunale a Bucciano. Un consiglio comunale particolarmente importante e partecipato, che ha gettato le basi per la istituzione del Forum dei giovani e che ha visto l’approvazione del regolamento comunale anti – ludopatia.
Un regolamento la cui approvazione da parte dei comuni della provincia di Benevento, è stata più volte auspicata e sollecitata, da don Mimmo Battaglia, vescovo della diocesi di Cerreto – Telese e Sant’Agata dei Goti.
Un regolamento che regola e stabilisce orari precisi durante i quali poter giocare alle slot machine e che sarà da subito esecutivo.
Per gli esercenti che decideranno di disinstallare le macchine da gioco, il comune ha previsto una sgravio fiscale sulla Tari del 20%.
Regolamento che è stato approvato a maggioranza e sul quale la minoranza di fatto, si è spaccata.
Due dei tre consiglieri di opposizione, infatti, hanno votato contro appellandosi alla troppa poca distanza inserita nel regolamento ed entro la quale dovrebbe essere collocata la sala slot, proponendo l’estensione del divieto a tutto il paese.

Un divieto impossibile da applicare, perché andrebbe contro quella che è la ragione di diritto dello stato, che regola il gioco d’azzardo.
L’altro consigliere di minoranza, ha votato ugualmente contro, dichiarando però di voler tutelare i diritti degli esercenti locali.
Soddisfazione è stata espressa dalla maggioranza guidata dal sindaco Domenico Matera, attraverso le parole del consigliere Domenico Falco, che ha seguito fin dall’inizio, l’iter che ha visto poi la nascita del regolamento.
Per un amministrazione come la nostra che ha messo al centro del proprio progetto politico il “miglioramento della qualità della vita“ dei cittadini – ha dichiarato Falco – la piaga della ludopatia non poteva passare in secondo piano.
È un risultato che abbiamo voluto fortemente e dispiace ve
dere che l’opposizione abbia votato contro.Per quanto ci riguarda – ha concluso Falco –  abbiamo scelto di stare dalla parte delle famiglie”.

0 82

I proventi illeciti della criminalità organizzata, l’allarme del procuratore Airoma: “Dati in aumento”

AVERSA – “Analisi del rischio e le misure per contrastare il riciclaggio” è il tema del forum promosso dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo. Al forum sono intervenuti il Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli Nord, Domenico Airoma; i consiglieri delegati Odcec Napoli Nord Angelo Capone e Vincenzo Natale; il presidente della Commissione Diritto penale dell’economia, Attilo Pisani; la consulente dl Cndcec, Annalisa De Vivo. L’obiettivo è quello di formare i professionisti al fine di contrastare questo fenomeno illegale.

 

 

0 59

Parla il numero uno dei commercialisti partenopei all'incontro promosso dall'Odcec di Napoli in collaborazione con "l'etica delle professioni"

NAPOLI – “Le novità introdotte in tema di privacy con il nuovo Regolamento, il GDPR, impongono ai professionisti specifici adempimenti per la tutela dei dati e delle informazioni sensibili dei propri clienti, oltre ad una serie di nuovi obblighi. Una sfida davanti alla quale di certo non ci tiriamo indietro: tutti i professionisti vogliono essere di supporto ad un’economia bisognosa di persone che abbiano come obiettivo la deontologia, la correttezza e la trasparenza. Siamo molto fiduciosi perché la nostra categoria da tempo pratica l’attività professionale con grande rispetto per i clienti, e dunque si avvia a rafforzare il proprio ruolo”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli, aprendo il convegno “Etica, responsabilità e privacy dei dati: una nuova sfida per le professioni all’entrata in vigore del GDPR”.

Nel suo intervento Antonio Areniello,  numero uno del Consiglio notarile di Napoli, Torre Annunziata e Nola, ha evidenziato che “quella dei professionisti è una vera e propria sfida. La legge sulla privacy comporta un difficile bilanciamento tra la riservatezza e la trasparenza. In questo senso, la scelta etica di favorire l’utente che richiede la tutela dei dati personali è fondamentale”.

Per l’avvocato Valeria Ruoppolo, esponente di “etica delle professioni” e ideatrice del convegno, “oggi i professionisti non devono solo interpretare una norma delicata, come quella che è stata di recente promulgata, ma darne la giusta attenzione con una lettura etica, per far sì che vi sia la massima applicazione nel rispetto dei clienti e di tutti gli operatori del servizio”.

“I professionisti devono semplicemente rispettare i loro principi. Etica e deontologia nelle professioni intellettuali – ha rimarcato Isabella Stoppani, presidente dell’Associazione Avvocati Italiani – significano già tutela della riservatezza e della conservazione dei dati. La sfida è dunque quella di riuscire ad adeguarsi ai nuovi percorsi mettendo in campo i valori tradizionali della professione”.

0 215

Tra Elisa Isoardi e Matteo Salvini è ufficialmente finita, e ad annunciarlo è la stessa conduttrice tv de “La prova del cuoco” con un post su Instagram.

“Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora. Gio Evan. Con immenso rispetto dell’amore vero che c’è stato. Grazie Matteo”, scrive la Isoardi.

 Chi è Gio Evan?

Le parole che la Isoardi utilizza sono di Gio Evan all’anagrafe Giovanni Giancaspro, nasce il 21 aprile 1988 in Italia. È un artista poliedrico: scrittore e poeta, umorista, performer, cantautore e artista di strada.

La sua Biografia 

Durante gli anni che vanno dal 2007 al 2014 intraprende viaggi che lo porteranno in India, in tutta Europa e in tutto il Sud America, con l’aiuto di una bicicletta. Comincia a studiare e vivere accanto a maestri e sciamani del posto, dai quali riceverà iniziazioni sciamaniche e attivazioni al mondo vibrazionale e terapeutico. (In Argentina verrà battezzato come “Gio Evan” da un Hopi).

Grazie a queste esperienze imparerà le sue arti, creando così una personalità molto forte e complessa. Si avvicina al surrealismo (da lui definito “sopra al reale”) al nonsense, al gioco sacro, alla parola-terapia e al lavoro sull’anima tramite le potenze dell’arte.

Nel 2008 scrive il suo primo libro “Il florilegio passato” in India. Racconto che narra dei suoi viaggi, senza soldi né scarpe. Denota una forte ricerca spirituale e poetica visionaria mantenendo viva una sana comicità.

Nel 2012 e 2013 fonda “Le scarpe del vento”, progetto musicale dove scrive canta e suona la chitarra.
Pubblica indipendentemente il suo primo disco “Cranioterapia”, registrato in casa in qualità del tutto discutibile. Il genere è uno di quelli che non permette classificazioni. È un cantautorato onirico, accompagnato a tratti da armonie Blues.

Nel 2014 inizia due progetti per le strade francesi: “Gigantografie” e “Le poesie più piccole del mondo“.
Si tratta di attacchi poetici, un’esposizione artistica non autorizzata. Comincia a usare le città in cui si trova a passare come proprie mostre da visitare. Il progetto comincia a suscitare curiosità da parte di molti. Pubblica con Narcisuss il suo secondo libro e primo romanzo “La bella maniera”.

Nel 2015 scrive e dirige “OH ISSA – Salvo per un cielo”. L’opera narra di un ipotetico dopo apocalisse e dei pochi superstiti, personaggi che risulteranno fondamentali per la salvezza dell’autore. Intrecci di parole e filosofie allegre caratterizzano lo stile unico dello spettacolo.

Nello stesso anno pubblica con Narcisuss il suo terzo libro “Teorema di un salto” poesie ragionatissime metafisiche. Libro che suscita molto interesse da parte di critici e lettori.

Nel 2016 Miraggi Edizioni lo convince a firmare e a pubblicare il suo quarto libro “Passa a sorprendermi” confermandosi come poeta contemporaneo nella scena italiana. 

Nell’inverno stesso il successo dello spettacolo e le vendite del libro rendono Gio Evan il poeta contemporaneo vivente più seguito in Italia, successo che adocchia Rizzoli e che gli propone un contratto la quale non rifiuta. A fine 2016 viene firma con l’etichetta MarteLabel.

2017 esce il libro “Capita a volte che ti penso sempre” per Rizzoli, seguito dallo spettacolo teatrale “INOPIA – non perdermi sul serio”. E a finire esce “Piú in alto”, il primo singolo che battezza Gio a cantautore.

2018  esce “Ormai tra noi è tutto infinito” sempre edito da rizzoli. Esce “Biglietto di solo ritorno” doppio disco musicale diviso tra musica e poesia, E “Noncontrome” il primo Spettaconcerto al mondo. Musica, Poesia e Monologhi di filosofia comica.

0 61

L’appuntamento è per sabato 10 novembre ore 10.00 all’Istituto Paritario Paideia di Capua

CAPUA – Un corso di primo soccorso per bambini della scuola primaria. Questa la bellissima e particolare iniziativa messa su dalla Croce Rossa Italiana, Unità Territoriale di Capua con l’Istituto Paritario “Paideia” di S.Angelo in Formis – Capua e l’azienda Amica- Gruppo Palmesano. Sabato 10 novembre alle ore 10.00 si terrà infatti un corso per primo soccorso dedicato ai bambini , così da spiegare ai piccoli come chiamare l’118, trasmettere loro l’idea di non farsi sopraffare dalla paura in caso di pericolo per un proprio parente o un estraneo, spiegando che contattare i soccorsi per chiedere aiuto è la cosa fondamentale da fare in una situazione di emergenza e soprattutto diffondere la cultura della solidarietà e del senso civico.

Con l’assistenza di un’ambulanza saranno dunque illustrate le nozioni di primo soccorso, sarà  mostrata un borsa con equipaggiamento fatta di bendaggi, cerotti, forbici e l’occorrente per fronteggiare ferite e tagli,  spiegando altresì la funzione dei singoli pezzi e lasciando che gli stessi familiarizzino ed interagiscano con gli oggetti del kit. All’evento parteciperanno anche gli adulti, non solo i genitori ed i parenti dei bambini ma anche chiunque decidesse di assistere alla manifestazione. Una seconda parte della giornata sarà dedicata infatti ai più grandi, ai quali sarà mostrata la manovra di disostruzione pediatrica ma anche la divulgazione sul corretto uso dei sistemi di ritenuta in auto.

Un’occasione importante – dice Maria Pia Siciliano, direttrice dell’Istituto Paideia – per alimentare la cultura della sicurezza ma anche per trasmettere semplici comportamenti che in tanti casi possono salvare una vita. Un ringraziamento doveroso alla Croce Rossa Italiana per aver fatto propria questa iniziativa”.  Un momento quindi per alimentare nei bambini ma anche nei genitori, spesso erroneamente convinti che i più piccoli non saprebbero fronteggiare una situazione di pericolo, e che essi devono essere tenuti lontani dalla conoscenza delle situazioni di emergenza. Nel contempo saranno anche illustrate le norme che individuano il giusto comportamento in materia di cinture di sicurezza per i più piccoli. “Troppo spesso si omette di rispettare le norme che regolano il trasporto dei piccoli nelle auto.

Così Francesco Palmesano, amministratore della società Amica , gruppo storico che lega il proprio nome ai marchi Fiat, Alfa, Lancia,  Abarth  che ha voluto prendere parte all’iniziativa dell’Istituto “Paideia”. I piccoli passeggeri devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta  per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Un’occasione per ricordare l’obbligatorietà dei sistemi di ritenuta per i propri figli, perché ancora molti utilizzano le cinture in modo saltuario o errato o non le usano affatto”. 

0 91

L’appello dell’Associazione gestori di apparecchi da intrattenimento che ha promosso una manifestazione a Roma per mercoledì 7 novembre alle ore 11 in via Flavia nei pressi del ministero del Lavoro

ROMA – “Facciamo appello al governo affinché blocchi le multinazionali dell’azzardo che adesso mirano a sostituirsi a tutte le piccole e medie aziende di gestione di apparecchi di intrattenimento per locali pubblici, dopo essersi ‘impadronite’ di quasi tutte le concessionarie statali ”. Lo ha detto Benedetto Palese, presidente dell’Agcai (Associazione Gestori e Costruttori di Apparecchi da Intrattenimento) annunciando la manifestazione di mercoledì 7 novembre alle ore 11 in via Flavia nei pressi del ministero del Lavoro.

“Dopo aver favorito l’ingresso in Italia delle ‘videolottery’, le macchine più pericolose al mondo, collocandole in tutti i mini casino aperti in ogni angolo di strada, creando un allarme sociale senza precedenti – ha aggiunto il numero uno dell’Agcai -, adesso stanno costringendo i gestori ad inserire anche nelle slot da bar programmi d’azzardo di loro proprietà, pena la dismissione degli apparecchi e l’appropriazione di quei titoli autorizzatori a totale loro beneficio”.

“Il tutto è mirato alla chiusura di migliaia di aziende con il relativo licenziamento di quasi 100 mila lavoratori. Segnaliamo anche l’inerzia dei Monopoli di Stato che invece di controllare l’operato dei concessionari per eventuali sperequazioni, hanno emanato una circolare al solo fine di agevolare i concessionari stessi  ad impadronirsi di tutto il mercato. Ci rivolgiamo al governo – continua Palese -, chiedendo un incontro al ministero dello Sciluppo Economico, affinché attraverso un contratto di filiera nazionale e l’emanazione  di una nuova circolare da parte dei monopoli che riesca a scongiurare la chiusura di oltre 3000 aziende di gestione e relativi dipendenti che da 15 anni operano in questo settore”.

“Inoltre da anni chiediamo la sostituzione delle slot da bar con un apparecchio meno invasivo con elementi di più intrattenimento e una perdita oraria ancora più limitata che non sfoci nell’azzardo ,simile a quella di un normale flipper che il vecchio governo non ci ha fatto realizzare .Ci auguriamo di essere ascoltati – ha concluso il presidente dell’Agcai – affinché si debelli il gioco d’azzardo in Italia”.

0 105

All’incontro interverranno Luigi Pagliuca, presidente della Cassa di previdenza dei ragionieri, Paolo Longoni, consigliere d’amministrazione della Cnpr e Roberto Bianco delegato dell’ente previdenziale

AVERSA – Martedì 6 novembre 2018 alle ore 15, presso la sala conferenze dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord (via A. Diaz, 89), si terrà un focus di approfondimento su previdenza, welfare e assistenza sanitaria.

All’incontro, moderato da Guido Rossi, vicepresidente dell’Ordine, interverranno Luigi Pagliuca, presidente nazionale della Cassa di Previdenza dei Ragionieri; Paolo Longoni, consigliere d’amministrazione della Cnpr; Roberto Bianco, delegato territoriale dell’ente previdenziale.

“L’analisi delle strategie adottate dagli enti previdenziali per garantire la sostenibilità dei fondi con l’erogazione della previdenza e dell’assistenza  sarà analizzata nel corso del dibattito” ha sottolineato Antonio Tuccillo, numero uno dell’Odcec Napoli Nord, che introdurrà i lavori. “L’Odcec di Napoli Nord ha previsto, per questa occasione, la presenza dei funzionari della Cassa di Previdenza – ha aggiunto – che potranno informare, esaminando i piani contributivi, anche con apposite simulazioni e proiezioni, per i singoli professionisti”.

0 67

Quarantatré anni fa, in questo triste giorno, ci ha lasciati uno tra i maggiori intellettuali del XX secolo.

 

(Pier Paolo Pasolini: 5 marzo 1922 – 2 novembre 1975)

ULTIME NOTIZIE

0 32
Forni caldi per la quinta edizione del Campionato Nazionale Pizza DOC: lunedì 12 e martedì 13 novembre è tempo di pizza al Consorzio di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi