Timber by EMSIEN-3 LTD
Cronaca

by -
65

Un colpo al cerchio e uno alla botte. O meglio: sparare contro i neri, per educare tutti, sia i bianchi che i neri. E poi passare all’incasso, specie in un periodo cruciale per l’economia criminale, a pochi giorni dal giro di boa di Ferragosto, quando la terza rata del racket – dopo Natale e Pasqua – bussa tradizionalmente alle porte di commercianti e bancarellari. Ed è in questo scenario che viene fuori un’altra conferma: quel giovedì due agosto, al Vasto, sono stati due gli immigrati senegalesi ad essere colpiti nel corso di una sorta di «stesa» in stile camorristico

by -
51

Il fantastico attore comico, testimone di una carriera di successo nel teatro, nel cinema e nella televisione, torna al suo pubblico in un recital nell’ambito del Festival dell’Alta Costiera Amalfitana ad Agerola. “Che peccato é peccato” é il titolo dello spettacolo. In esso Biagio parla del più e del meno! Di quello che ognuno vorrebbe parlare, di quello che ognuno avrebbe da dire e che non dice perché è banale, sconveniente, forse anche poco intelligente. Senza freni inibitori. E così andare avanti senza uno schema predefinito, in ordine sparso, a parlare delle cose che ci riguardano: della nostra vita, dal suo punto di vista che spesso è anche il nostro. E così, cercando di mettere disordine dove c’è un ordine precostituito dire dei “peccati” che prima li fai e poi ti penti e di quelli di cui è peccato pentirsi. Parlare di quegli atteggiamenti essenzialmente riconducibili ai vizi capitali perché ci sono certi vizi che è davvero peccato considerare peccati!

by -
54

Aspettiamo tutto l’anno l’arrivo dell’estate ma, quando finalmente arriva, ci tocca fare i conti con il caldo e le alte temperature. Per chi è costretto a rimanere a casa, in ufficio o comunque in città, il calore giunge quasi come una sofferenza. In città l’asfalto cattura il calore così che la strada diventa una vera e propria giungla, anche a causa degli alti tassi di umidità. Se vogliamo combattere il caldo estivo nel modo adeguato ci sono dei consigli che dobbiamo mettere in pratica: semplici regole da seguire che ci permetteranno di sopportare meglio il caldo e vivere un’estate più serena.

per chi rimane in ufficio o in città è importate cercare di uscire il meno possibile tra le 11 del mattino e le 17 del pomeriggio, ma se proprio si è costretti ad uscire, meglio farlo con un copricapo dal colore molto chiaro e dei vestiti freschi dai tessuti naturali che permettono la naturale traspirazione della pelle evitando colpi di calore improvvisi. . Per chi viaggia in auto deve ricordare di far arieggiare bene il veicolo, nel caso in cui fosse rimasto al sole, e non lasciare persone o animali, anche se per pochi minuti nell’auto che può raggiungere temperature altissime. Preferite sempre spuntini leggeri e bagnante i polsi e le tempie costantemente, per riequilibrare la temperatura del corpo.   Quando fa molto caldo il primo pericolo è la disidratazione, è quindi importante bere molta acqua più volte durante la giornata, almeno due litri: preferitela a temperatura ambiente o fresca ma non troppo fredda. Sono invece da evitare le bevande gassate e quelle troppo dolci. Da limitare anche alcol, tè e caffè che favoriscono la disidratazione.

Tra i cibi no, formaggi, insaccati, carne rossa e soprattutto evitate metodi di cottura che rendono i cibi troppo pensanti: evitate fritture e la preparazione di sughi e intingoli. Insomma qualche accorgimento in più e qualche frittura in meno possono rendere la nostra estate davvero molto fresca!

 

Un’iniziativa organizzata dalla polizia di stato, dalle fiamme oro e dalla federazione italiana di nuoto per una maggiore consapevolezza del mare, per formare, educare e insegnare i principi di legalità indirizzata agli adolescenti che abitano in quartieri difficili, tra Napoli e la città metropolitana. L’alternativa c’è e bisogna offrirla. Questi i principi che hanno spinto alla creazione del progetto «Nuotiamo insieme a Mappatella Beach».

by -
57

Una lite familiare finisce in tragedia. E’ successo questa notte intorno alle 4 in vico Gambuzzi, traversa del corso Campano a Giugliano. Un uomo, Salvatore Corsi di 52 anni, secondo quanto appreso, al termine di una furibonda lite, è morto. Il cognato è stato fermato con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, tutto è iniziato con una lite tra la moglie, di 49 anni, ed il marito di 40. Nella discussione è entrato anche il fratello della donna, di 53 anni, con seri problemi di salute: nei concitati momenti che ne sono seguiti – secondo quanto riferito dai Carabinieri – si sarebbe spostata la cannula tracheale che l’uomo portava a causa di una grave malattia respiratoria, durante il litigio degenerato fino alle mani.

by -
57

Chi li conosceva parla di una coppia unita, che non aveva mai destato sospetto su possibili litigi ed una conseguente tragedia. L’omicidio-suicidio a Villanova del Battista, nell’Avellinese si è consumato verso le 21 di iera sera, nel pieno centro del paese, nell’abitazione dove Ponziano Colantuono, 83 anni, e la moglie Antonietta Raduazzo, di 80, abitavano. Ancora sconosciuta la causa che avrebbe innescato la tragedia. A trovare i corpi senza vita in camera da letto, nell’abitazione di via Francesco Cusano, è stata la moglie del sindaco del piccolo comune irpino, la sorella di Ponziano, che quasi giornalmente si preoccupava di far visita alla coppia.

ULTIME NOTIZIE

38
Il ferragosto a Napoli è scandito da ombrelli, maglioncini, scarpe chiuse e forti piogge. Il lungomare partenopeo diventa un set dai colori autunnali e...