«Mafia International» scritto su un grattacielo e stile lugubre. Eppure si riconosce Napoli. Succede in un cartoon proiettato nel nuovo programma di Celentano «Adrian» in cui, raccontando un’immaginifica storia dagli Egizi al 2068 si mostra una città partenopea col suo volto peggiore.

«Nel 2068 la città di Napoli sarà agghiacciante» si dice nel cartoon. I suoi fili potrebbero essere mossi dallo spietato «Dranghstein», un nome che sembrerebbe a metà tra ‘ndrangheta e Frankestein, feroce burattinaio che avvelena l’ambiente. Non sono mancate polemiche e proteste sui vari gruppi sui social.