La giovanissima Anna Balbi, 13 anni ancora da compiere, è protagonista di piccoli gesti di solidarietà quotidiana che fa nel suo quartiere. Quei gesti che le sono valsi il titolo di “Alfiere della Repubblica”, che il presidente Sergio Mattarella le conferirà il prossimo 13 marzo al Quirinale.
Anna è nata a San Giovanni a Teduccio, quartiere di quella Napoli Est teatro delle scorribande della criminalità organizzata. Ma, proprio qui, Anna dimostra che c’è sempre spazio, nel nostro piccolo, per compiere una buona azione. Basta essere in prima linea per aiutare le persone in difficoltà.
Da grande Anna vuole fare la pediatra, per aiutare i più piccoli. Uno spirito di solidarietà che la guida tutti i giorni e che ha reso orgogliosa mamma Teresa. Lei che ha visto sempre nella figlia, fin da quando aveva cinque o sei anni, una forte volontà di aiutare il prossimo.
In un quartiere come San Giovanni, è importante che le istituzioni – la scuola e la chiesa in particolare – siano presenti al fianco delle famiglie per accompagnare i bambini nella loro crescita. Proprio all’oratorio, oggi, i più giovani come Anna hanno l’opportunità di mettere il loro impegno al servizio della comunità.