Al Pomigliano Jazz, Giovanni Guidi in Angeli e Demoni, affronta la dimensione del piano solo, accompagnando lo spettatore attraverso un viaggio ultraterreno tra Inferno e Paradiso, passando per il Purgatorio e mettendo poi nuovamente piede sulla Terra. “Angeli e Demoni” non è una citazione letteraria, ma l’estrema sintesi di un’esperienza umana condivisa, un biglietto di andata e ritorno, attraverso le innumerevoli sfaccettature dell’animo umano. Ma tutto questo è possibile solo grazie alla musica. Restando sospesi in apnea, o respirando a pieni polmoni, si possono osservare con meraviglia o affrontare con destrezza le dolcezze angeliche e i sorrisi diabolici che ognuno di noi incontra nel suo cammino. Scarno eppure sontuoso, lirico e dissonante, capace di muoversi tra il blues e il free, il pianismo di Giovanni Guidi possiede tutti i linguaggi sonori per poter narrare i mille volti dell’animo umano in un concerto per piano solo, dove sono sempre le emozioni a vincere. JAVIER GIROTTO – FRANCESCO NASTRO in Sea Inside Quartet Napoli, Buenos Aires, Tel Aviv. Il mare di mezzo, il mare dentro. Il mare che unisce aree geografiche apparentemente distanti. Il mare, gonfio di spuma o piatto come una tavola, che accoglie e si alimenta di melodie, respiri e visioni. Il bacino del Mediterraneo come territorio comune, il jazz come strumento di dialogo tra culture differenti. Il Sud come luogo d’incontro, la musica come viaggio perenne. Il concerto riprende le musiche dello straordinario disco inciso per l’etichetta indipendente di Pomigliano d’Arco, Itinera nel 2007, insieme a due ospiti d’eccezione: il bassista Avishai Cohen e il batterista Roberto Gatto. Questa volta, sul palco del Teatro Gloria, la ritmica è affidata a Luca Bulgarelli al contrabbasso e Giuseppe La Pusata alla batteria con i quali i due compositori: Girotto e Nastro, mettono in scena i brani tutti originali che raccontano in note il particolare rapporto dei due musicisti con l’elemento mare.